6/3/05

Home Echi di stampa Pubblicazioni Il mercatino I link L'archivio Spazio Giovani In calendario Le foto

  Porto Empedocle: il "non si parte" delle 20,30

6 Marzo 2005. Ancora una volta stasera a fare le spese del cattivo tempo sono una ventina di abitanti di Linosa costretti a prolungare il proprio soggiorno nella Città dei Templi... L'ultima corsa che la m/n "Paolo Veronese" ha effettuato, con il suo carico di passeggeri, merci ed automezzi, risale alle sera del lunedì 28 febbraio scorso. Due giorni dopo, mercoledì sera, è ripartita alla volta delle Isole Pelagie con il solo carico di bombole di gas, lasciando a terra gli sfortunati passeggeri in attesa di rientrare a casa, nonostante le previsioni meteo preannunciassero già l'arrivo di una nuova perturbazione. E infatti puntualmente la perturbazione si è presentata l'indomani, bloccando ancora una volta la nave agli ormeggi di Porto Empedocle, trasformatosi già da tempo in un mega posteggio di camion e tir.

Il "Non parte!" dell'agenzia "Tricoli & Nuara" di Porto Empedocle anche stasera è arrivato puntualmente dopo una lunga agonia di: "Richiami più tardi...!". Una frase questa che riecheggia amaramente nelle orecchie di chi è in attesa di potersi imbarcare oramai da sei giorni, ed si vede costretto ad andare incontro a spese non indifferenti di albergo e ristoranti. Questa sera nell'isola di Linosa spira un vento di libeccio che comunque non ostacolerebbe l'attracco della nave in Cala Mannarazza, ma risulterebbe problematica l'entrata in porto a Lampedusa, data la sua esposizione a sud ovest. E per fortuna l'isola è collegata da un regolare servizio aereo, altrimenti sarebbero davvero guai seri per gli abitanti delle due isole.

Se prima era la m/n "Palladio" a non riuscire ad attraccare a Lampedusa per la sua notevole altezza e per gli inadeguati approdi dell'isola, adesso è proprio il cattivo tempo a bloccare la nave in porto. Solo un inizio tempestivo delle opere portuali già previste sia per Linosa che per Lampedusa potrebbero diminuire quei disagi nei collegamenti che le Pelagie si portano dietro da sempre.

(testo e foto a cura di Foldaini)


Questa pagina è stata aggiornata il 6/3/05
Webmaster e redattore responsabile: Guido Picchetti